domenica 19 novembre 2017
Per vedere tutte le interviste ai produttori accedi alla sezione "le interviste".
Come si beve
A che cosa ci si riferisce parlando di intensità e persistenza?
A. Sono caratteri cromatici
B. Sono due parametri da valutare nell’analisi olfattiva
C. Riguardano caratteristiche olfattive e gustative
D. Riguardano lo stato evolutivo di un vino

Oltre 300 schede dei principali vitigni autoctoni italiani divisi per regione di origine.

Approfondimenti di varie tematiche e il glossario con la spiegazione dei termini di maggiore uso nel mondo del vino.

VIP, degustazione itinerante di vini autoctoni italiani, è un progetto di valorizzazione del territorio rivolto ad appassionati e operatori del settore.

Il Banco d’Assaggio è un incontro di approfondimento tematico, nel quale, con il commento di un esperto, vengono degustati vari vini autoctoni in abbinamento al cibo.

Scopri le nostre ultime pubblicazioni e scarica "Vitinera", il semestrale di AutoctonO, nato per informare appassionati, produttori ed enti locali delle nostre iniziative.

Vuoi essere costantemente informato sugli eventi e sulle iniziative di AutoctonO? Direttamente nella tua casella di posta elettronica notizie, approfondimenti e curiosità.
Inserisci la tua e-mail

Vuoi informazioni riguardo i nostri servizi? Desideri chiarimenti o hai delle curiosità? Contattaci tramite l’apposito modulo. Il nostro compito è darti risposte.
Download Adobe Reader Download Adobe Flash Player

I MOSCATI: UNA GRANDE FAMIGLIA
IL GUTTURNIO, PUNTO D'INCONTRO TRA DUE CULTURE
IL TAGLIO BORDOLESE
IL TOCAI FRIULANO
L'INFLUENZA DEL MARE SUI VINI
LA BOTTE GRANDE
LA DEGUSTAZIONE DEI VINI SPUMANTI
LA MACERAZIONE CARBONICA
LA MATURAZIONE DELL'UVA IN MONTAGNA
T&T, OVVERO TERRENO E TERROIR
Il Gutturnio, punto di incontro tra due culture

Molti esperti gastronomi sostengono che le 4 principali cucine del mondo (la francese, l’italiana, la cinese e la giapponese) possano essere suddivise piuttosto chiaramente in due gruppi. Da una parte le cucine a matrice nazionale, quelle cioè in cui esiste un evidente filo conduttore fra i piatti delle varie regioni e zone, e dall’altra quelle a matrice regionale, quelle cucine cioè che sono la risultante di un insieme di cucine regionali a loro volta non sovrapponibili, né omologabili, né riconducibili a un minimo comun denominatore. Al primo gruppo apparterrebbero Francia e Giappone, ed al secondo Cina e Italia. Già, l’Italia, come un insieme di cucine regionali di ispirazione e contenuti spesso discordanti. Ed il discorso vale anche per il vino. Si sa: da noi e dai nostri cugini francesi è più corretto parlare di enogastronomia, cioè di un insieme costituito di piatti e vini, piuttosto che solo di gastronomia. In entrambi i casi, una varietà inesauribile dunque di declinazioni di sapore, sia nei cibi che nei vini, spesso contrastanti. Come nei Colli Piacentini, patria del Gutturnio. Ovvero il vino della armonizzazione dei contrasti per antonomasia.
Ad ovest c’è il Piemonte, la terra dell’austerità, dei grandi rossi tannici e a lenta maturazione. Un tripudio di chiaroscuri che fanno la felicità dei più intransigenti appassionati.
Appena a sud-est il cuore dell’Emilia, dove ci si imbatte invece nella fragranza, la facilità di approccio, il totale (e nobile) asservimento alla causa dell’abbinamento gastronomico. Il vino come strumento di esaltazione del piatto. Basti pensare al Lambrusco.
In mezzo a questi due fuochi, i Colli Piacentini. Dei quali il Gutturnio costituisce l’emblema, il simbolo, il figliol prodigo. Non solo splendido vino dalle molteplici sfaccettature, ma molto, molto di più. Il punto di incontro tra due culture enogastronomiche, la piemontese e l’emiliana, di dimensioni esorbitanti, che in quanto al vino la vedono però in maniera diametralmente opposta.
(Anche) per questo il Gutturnio è così: austero ma giovanile, complesso - e potenzialmente longevo - ma anche aperto, allegro e immediato. E di grande versatilità a tavola. Due anime in una. Il punto di incontro tra due culture.

Bibliografia:

AA.VV., L’arte del bere giusto, Bibenda, 2004.
caremma 26/09
caremma 26/09
Scarica il pdf
103 KB
VINO PARLANTE DISTRIBUZIONE
VINO PARLANTE DISTRIBUZIONE
Scarica il pdf
82 KB
VINO PARLANTE e DESIGN LIBRARY CAFE'
VINO PARLANTE e DESIGN LIBRARY CAFE'
Scarica il pdf
158 KB

Le voci del glossario sono tratte da l'Enciclopedia del Vino di Boroli Editore.
 
lettera Alettera Blettera Clettera Dlettera Elettera Flettera Glettera H
lettera Ilettera Jlettera Klettera Llettera Mlettera Nlettera Olettera P
lettera Qlettera Rlettera Slettera Tlettera Ulettera Wlettera Wlettera X
lettera Ylettera Zlettera
· ACIDITA'  · AFFINAMENTO DEL VINO  · ALCOL POTENZIALE  · ALCOL SVOLTO  · ANIDRIDE SOLFOROSA  · APPASSIMENTO  · ARCHETTI  · ASSEMBLAGGIO  · BARRIQUE  · BIDULE  · BUOQUET  · BOTTE  · BRUT  · CHAMPAGNOTTA  · CLONE  · CRU  · CUVEE  · DEGORGEMENT  · DENOMINAZIONE D'ORIGINE  · DIRASPATURA  · DOC  · DOCG  · DEGUSTARE: IL GIUSTO APPROCCIO  · EQUILIBRATO  · FECCE  · FERMENTAZIONE   · FERMENTAZIONE ALCOLICA  · FERMENTAZIONE MALOLATTICA  · FILTRAZIONE  · FLUTE  · FOLLATURA  · FRIZZANTE  · GIACITURA  · GLICERINA  · GRATICCI  · INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA (IGT)  · INVAIATURA  · LIEVITI  · LIQUEUR DE TIRAGE  · LIQUEUR D'EXPEDITION  · MACERAZIONE  · MARNA  · METODO CLASSICO  · MILLESIMO  · MOSTO  · MATURAZIONE VINO  · MATURAZIONE DELL'UVA  · PASSITO  · PERLAGE  · PERSISTENZA  · PIGIADIRASPATRICE  · POLIFENOLI  · PRESA DI SPUMA  · PRESSATURA  · PUPITRE  · REMUAGE  · RIMONTAGGIO  · RISERVA  · SBOCCATURA  · SCACCHIATURA  · SFORZATO  · STABILIZZAZIONE  · SVINARE  · STRUTTURA DEL VINO  · STRUTTURA DEL SUOLO  · SERVIZIO DEL VINO  · TRAVASO  · TINO  · TANNINI ENOLOGICI  · TAGLIO DEL VINO  · TERRENO  · TERROIR  · UVAGGIO  · VINACCIOLO  · VENDEMMIA  · VITICOLTURA: DALLE ORIGINI AD OGGI  · VITE  · VITIGNO  · VINIFICAZIONE  · VIGNETO  · ZONAZIONE 
torna ad inizio pagina
 
webconcept: variantezero.com
home pagechi siamodicono di noipartnerscontattidomande
vino in piazzabanchi d'assaggiopubblicazioni privacypolicy