martedì 20 novembre 2018
Per vedere tutte le interviste ai produttori accedi alla sezione "le interviste".
Viticoltura
Che cosa avviene durante la maturazione delle uve?
A. Gli zuccheri e l’acidità diminuiscono
B. Gli zuccheri e l’acidità aumentano
C. Gli zuccheri aumentano l’acidità diminuisce
D: Gli zuccheri diminuiscono e l’acidità aumenta

Oltre 300 schede dei principali vitigni autoctoni italiani divisi per regione di origine.

Approfondimenti di varie tematiche e il glossario con la spiegazione dei termini di maggiore uso nel mondo del vino.

VIP, degustazione itinerante di vini autoctoni italiani, è un progetto di valorizzazione del territorio rivolto ad appassionati e operatori del settore.

Il Banco d’Assaggio è un incontro di approfondimento tematico, nel quale, con il commento di un esperto, vengono degustati vari vini autoctoni in abbinamento al cibo.

Scopri le nostre ultime pubblicazioni e scarica "Vitinera", il semestrale di AutoctonO, nato per informare appassionati, produttori ed enti locali delle nostre iniziative.

Vuoi essere costantemente informato sugli eventi e sulle iniziative di AutoctonO? Direttamente nella tua casella di posta elettronica notizie, approfondimenti e curiosità.
Inserisci la tua e-mail

Vuoi informazioni riguardo i nostri servizi? Desideri chiarimenti o hai delle curiosità? Contattaci tramite l’apposito modulo. Il nostro compito è darti risposte.
Download Adobe Reader Download Adobe Flash Player

I MOSCATI: UNA GRANDE FAMIGLIA
IL GUTTURNIO, PUNTO D'INCONTRO TRA DUE CULTURE
IL TAGLIO BORDOLESE
IL TOCAI FRIULANO
L'INFLUENZA DEL MARE SUI VINI
LA BOTTE GRANDE
LA DEGUSTAZIONE DEI VINI SPUMANTI
LA MACERAZIONE CARBONICA
LA MATURAZIONE DELL'UVA IN MONTAGNA
T&T, OVVERO TERRENO E TERROIR
caremma 26/09
caremma 26/09
Scarica il pdf
103 KB
VINO PARLANTE DISTRIBUZIONE
VINO PARLANTE DISTRIBUZIONE
Scarica il pdf
82 KB
VINO PARLANTE e DESIGN LIBRARY CAFE'
VINO PARLANTE e DESIGN LIBRARY CAFE'
Scarica il pdf
158 KB

Le voci del glossario sono tratte da l'Enciclopedia del Vino di Boroli Editore.
 
lettera Alettera Blettera Clettera Dlettera Elettera Flettera Glettera H
lettera Ilettera Jlettera Klettera Llettera Mlettera Nlettera Olettera P
lettera Qlettera Rlettera Slettera Tlettera Ulettera Wlettera Wlettera X
lettera Ylettera Zlettera
· STRUTTURA DEL SUOLO 
Modo in cui le particelle primarie del suolo, ’ sabbia, ’ limo e ’ argilla (’ tessitura), si uniscono tra loro in particelle composte denominate aggregati. Gli aggregati di particelle solide possono essere molto diversi per composizione, dimensioni, forma e stabilità.

Tipologie fondamentali
La struttura di un suolo presenta tre tipologie fondamentali:
•primaria o colonnare, caratterizzata da grandi quantità di materiale aggregato che presenta maggiore sviluppo in senso verticale rispetto a quello orizzontale;
•lamellare, in cui prevale lo sviluppo orizzontale con fessure larghe e profonde tra i blocchi;
•poliedrica, in cui il materiale aggregato presenta dimensioni orizzontali e verticali paragonabili.

Struttura e fertilità
La struttura di un suolo ha importanza fondamentale sulla sua fertilità, in particolare per i suoi rapporti con l’acqua, e quindi influenza alcuni fattori decisivi per la crescita delle piante, quali:
– l’areazione, cioè la porosità del terreno;
– la permeabilità all’acqua;
– i regimi di temperatura e umidità del terreno;
– la crescita delle radici;
– l’attività biologica;
– la lisciviazione delle basi e dell’argilla;
– la resistenza all’erosione.

I suoli incoerenti
A volte il suolo non presenta alcuna struttura. In questo caso, si parla di suoli sciolti o incoerenti, cioè costituiti da sabbie molto grossolane, tenute insieme soltanto dalla tensione superficiale dell’acqua, oppure di suoli troppo compatti, definiti a struttura massiva, caratterizzati da cementi colloidali poco efficaci. Questi si spezzano in masse che si sbriciolano facilmente.

Stabilità della struttura
Tra i numerosi fattori che incidono sulla struttura del suolo i più importanti sono l’argilla, la sostanza organica, gli ossidi di ferro e di alluminio, il tipo di basi di scambio, il carbonato di calcio e le lavorazioni.
La stabilità della struttura è favorita dalla presenza di ioni calcio che, combinandosi con l’ ’ humus, formano pellicole intorno agli aggregati. Una struttura instabile è invece caratterizzata da eccessiva acidità o da un eccesso di ioni sodio (Na+) presenti nel terreno.
Le lavorazioni del terreno sono efficaci per conferire al suolo il giusto grado di aggregazione al fine di ospitare le colture. È necessario tuttavia tenere conto della tessitura del terreno. Per esempio, su suoli limosi o sabbioso-fini, carenti di sostanze colloidali, lavorazioni ripetute o troppo spinte, come le fresature, distruggono la struttura.
La struttura può essere considerata una proprietà dinamica del suolo. Infatti anche gli aggregati più resistenti sono suscettibili di disgregazione a causa di agenti fisici, chimici e biologici. Tra i fattori fisici, la compressione contribuisce all’aggregazione di particelle incoerenti ma, quando è troppo spinta, può portare alla rottura degli aggregati.
Anche l’effetto battente dell’acqua può avere lo stesso risultato. L’alternanza di umidità e secchezza, di gelo e disgelo, induce negli aggregati sollecitazioni che, agendo sui punti di minore resistenza, possono vincere i legami e romperne di conseguenza l’integrità. Ancora più importante è l’azione disgregatrice dei fattori chimici, che può influire sulla distruzione dei materiali cementanti e leganti. Poco alterabili risultano, invece, i composti inorganici (solo una forte acidità può solubilizzarli e distruggerne la capacità cementante). Molto più attaccabile risulta la sostanza organica, sulla quale agiscono soprattutto fenomeni di ossidazione fisica, chimica e biologica.
[L.T.]
torna ad inizio pagina
 
webconcept: variantezero.com
home pagechi siamodicono di noipartnerscontattidomande
vino in piazzabanchi d'assaggiopubblicazioni privacypolicy