martedì 20 novembre 2018
Per vedere tutte le interviste ai produttori accedi alla sezione "le interviste".
Viticoltura
Che cosa avviene durante la maturazione delle uve?
A. Gli zuccheri e l’acidità diminuiscono
B. Gli zuccheri e l’acidità aumentano
C. Gli zuccheri aumentano l’acidità diminuisce
D: Gli zuccheri diminuiscono e l’acidità aumenta

Oltre 300 schede dei principali vitigni autoctoni italiani divisi per regione di origine.

Approfondimenti di varie tematiche e il glossario con la spiegazione dei termini di maggiore uso nel mondo del vino.

VIP, degustazione itinerante di vini autoctoni italiani, è un progetto di valorizzazione del territorio rivolto ad appassionati e operatori del settore.

Il Banco d’Assaggio è un incontro di approfondimento tematico, nel quale, con il commento di un esperto, vengono degustati vari vini autoctoni in abbinamento al cibo.

Scopri le nostre ultime pubblicazioni e scarica "Vitinera", il semestrale di AutoctonO, nato per informare appassionati, produttori ed enti locali delle nostre iniziative.

Vuoi essere costantemente informato sugli eventi e sulle iniziative di AutoctonO? Direttamente nella tua casella di posta elettronica notizie, approfondimenti e curiosità.
Inserisci la tua e-mail

Vuoi informazioni riguardo i nostri servizi? Desideri chiarimenti o hai delle curiosità? Contattaci tramite l’apposito modulo. Il nostro compito è darti risposte.
Download Adobe Reader Download Adobe Flash Player

I MOSCATI: UNA GRANDE FAMIGLIA
IL GUTTURNIO, PUNTO D'INCONTRO TRA DUE CULTURE
IL TAGLIO BORDOLESE
IL TOCAI FRIULANO
L'INFLUENZA DEL MARE SUI VINI
LA BOTTE GRANDE
LA DEGUSTAZIONE DEI VINI SPUMANTI
LA MACERAZIONE CARBONICA
LA MATURAZIONE DELL'UVA IN MONTAGNA
T&T, OVVERO TERRENO E TERROIR
caremma 26/09
caremma 26/09
Scarica il pdf
103 KB
VINO PARLANTE DISTRIBUZIONE
VINO PARLANTE DISTRIBUZIONE
Scarica il pdf
82 KB
VINO PARLANTE e DESIGN LIBRARY CAFE'
VINO PARLANTE e DESIGN LIBRARY CAFE'
Scarica il pdf
158 KB

Le voci del glossario sono tratte da l'Enciclopedia del Vino di Boroli Editore.
 
lettera Alettera Blettera Clettera Dlettera Elettera Flettera Glettera H
lettera Ilettera Jlettera Klettera Llettera Mlettera Nlettera Olettera P
lettera Qlettera Rlettera Slettera Tlettera Ulettera Wlettera Wlettera X
lettera Ylettera Zlettera
· VITE 
In senso lato, il termine vite indica una pianta della famiglia delle Vitaceae, quale per esempio Parthenocissus quinquefolia o P. tricuspidata (vite del Canada), o tutti i membri del genere Vitis e Muscadinia. La famiglia delle Vitaceae comprende liane legnose, rampicanti perché fornite di cirri o viticci opposti alle foglie; queste si presentano lobate o suddivise in vario modo; i fiori sono ermafroditi o unisessuali, a quattro o cinque divisioni, con calice ridotto e petali verdastri liberi o, più spesso, congiunti all’apice a mo’ di cappuccio; i frutti sono delle bacche.
In senso stretto o seguito dall’aggettivo ‘europea’, il termine vite indica la Vitis vinifera. La vite vinifera nella forma spontanea (Vitis vinifera ssp. silvestris) è una pianta presente nella flora del bacino del Mediterraneo dell’Europa centro-meridionale, della regione anatolica e di quella trans-caucasica. La vite coltivata (Vitis vinifera sottospecie sativa) si differenzia da quella selvatica per numerosi caratteri ecologici, morfologici e fisiologici. Senz’altro l’aspetto discriminante più rilevante è quello legato alla sessualità delle piante e alla dimensione dei loro organi. Le forme domestiche sono ermafrodite e di dimensioni maggiori di quelle selvatiche, che sono invece dioiche (cioè con sessi separati).

Le fasi della domesticazione
Sulla base dei dati archeologici, paleobotanici ed etnografici è possibile distinguere le fasi della domesticazione della vite selvatica.

•Pre-domesticazione: in questa fase l’uomo non ha esercitato di fatto alcuna particolare pressione selettiva sulla vite. La vite, analogamente a tante altre piante, è stata solo oggetto di raccolta allo stato spontaneo. Questa fase è perdurata per tutto il Paleolitico, il Mesolitico e parte del Neolitico.

•Paradomesticazione embrionale: l’esistenza di questa fase è solo ipotetica e ha poche basi archeologiche. Essa si collocherebbe all’inizio nel Neolitico e avrebbe connotati analoghi a quelli della fase successiva, ma, allo stato delle conoscenze, più difficili da identificare in base alla documentazione archeologica e paleo-botanica.

•Paradomesticazione: questa fase si colloca nel tardo Neolitico, ma prima dell’Età del bronzo. Le evidenze paleobotaniche, e in modo particolare i primi ritrovamenti di vinaccioli allungati e con becco prominente, testimoniano la comparsa dei caratteri della domesticazione. Quanto alle tecniche di coltivazione, si ritiene che in questa fase esse si limitassero alla protezione delle piante selvatiche, vegetanti negli ambienti naturali o eventualmente nate spontaneamente in ambienti antropizzati, mediante interventi volti a ridurre la competizione esercitata da parte di altre specie non utili (e, forse, anche mediante primitivi interventi di potatura delle piante, con la rimozione di eventuali parti morte o danneggiate). La pressione selettiva esercitata dall’uomo fu in questa fase assai modesta, ma potrebbe avere favorito le forme ermafrodite.

•Proto-domesticazione: questa fase si realizza nell’Età del bronzo ed è connessa con la sedentarizzazione delle comunità umane, a sua volta legata all’introduzione dell’aratro. La nascita dei primi borghi stabili avrebbe favorito, secondo il Dump Heap Model (teoria degli immondezzai), le condizioni d’innesco del fenomeno di domesticazione vero e proprio. Infatti, nel caso della vite, le piante nate dai semi accumulatisi negli immondezzai, ai margini dei borghi, sarebbero state oggetto di forme primitive di coltivazione, di selezione e, quelle migliori, di successiva moltiplicazione. In questo modo la pressione selettiva esercitata dall’uomo, con la scelta delle piante da moltiplicare, avrebbe consentito dapprima di fissare e, in seguito, di migliorare progressivamente quei caratteri utili alla produttività (ermafroditismo, dimensione della bacca e dei grappoli) e alla qualità del prodotto (accumulo zuccherino, resistenza alla siccità).

Le regioni della domesticazione
Dal punto di vista cronologico, questi processi si sarebbero verificati più precocemente nella regione della Siria-Anatolia e nel Nord-Ovest della Mesopotamia e solo in seguito nella regione transcaucasica. Il processo di domesticazione si sarebbe poi ripetuto anche in altre regioni quali: Grecia, Italia centro-meridionale, Italia settentrionale, Francia meridionale e Iberia sud-orientale e settentrionale.
In queste zone di domesticazione secondaria il processo fu accelerato e guidato dagli influssi culturali prima e, successivamente, dagli apporti diretti delle attività che i coloni greci, fenici e punici esercitarono nel bacino occidentale del Mediterraneo. Si può dunque ritenere che, negli areali di distribuzione della vite selvatica, l’introduzione prima del consumo del vino e poi della viticoltura vera e propria si sia sovrapposta al preesistente substrato culturale locale caratterizzato da uno stadio di proto-domesticazione della vite le cui tracce sono spesso documentate anche dall’archeologia. È interessante notare che la viticoltura fu precocemente introdotta anche al di fuori dell’areale della vite selvatica, in Mesopotamia, Libano, Palestina ed Egitto. Sulla base dell’iconografia e delle indicazioni letterarie che testimoniano le viticolture più antiche, ossia quelle del III millennio prima di Cristo, è possibile dedurre come le varietà coltivate fin da quell’epoca avessero caratteristiche di piena domesticazione.
[O.F.]
torna ad inizio pagina
 
webconcept: variantezero.com
home pagechi siamodicono di noipartnerscontattidomande
vino in piazzabanchi d'assaggiopubblicazioni privacypolicy