sabato 23 novembre 2019
Per vedere tutte le interviste ai produttori accedi alla sezione "le interviste".
Come si fa
Da 100 chilogrammi di uva vendemmiata quanti litri di vino si possono ottenere mediamente?
A. 60-70 litri
B. 10-20 litri
C. 40-50 litri
D. 90-100 litri

Oltre 300 schede dei principali vitigni autoctoni italiani divisi per regione di origine.

Approfondimenti di varie tematiche e il glossario con la spiegazione dei termini di maggiore uso nel mondo del vino.

VIP, degustazione itinerante di vini autoctoni italiani, è un progetto di valorizzazione del territorio rivolto ad appassionati e operatori del settore.

Il Banco d’Assaggio è un incontro di approfondimento tematico, nel quale, con il commento di un esperto, vengono degustati vari vini autoctoni in abbinamento al cibo.

Scopri le nostre ultime pubblicazioni e scarica "Vitinera", il semestrale di AutoctonO, nato per informare appassionati, produttori ed enti locali delle nostre iniziative.

Vuoi essere costantemente informato sugli eventi e sulle iniziative di AutoctonO? Direttamente nella tua casella di posta elettronica notizie, approfondimenti e curiosità.
Inserisci la tua e-mail

Vuoi informazioni riguardo i nostri servizi? Desideri chiarimenti o hai delle curiosità? Contattaci tramite l’apposito modulo. Il nostro compito è darti risposte.
Download Adobe Reader Download Adobe Flash Player
Nerello Mascalese
Etimologia.
Il Nerello mascalese ed il Nerello mantellato (o cappuccio) devono il loro nome alla caratteristica colorazione.
Origini.
Probabilmente originario della piana di Mascali (CT), dove è tuttora coltivato, il Nerello è un vitigno da sempre alla base dei vini dell’Etna e si distingue in due sottovarietà: il Nerello mascalese ed il Nerello cappuccio, così chiamato per la forma che assume la sua pianta allevata ad alberello.
Diffusione.
I Nerelli hanno una discreta diffusione sul territorio siciliano e sono alla base delle due DOC Etna e Faro, ma rientrano anche nelle DOC calabresi Lamezia e Sant’Anna di Isola Capo Rizzuto.
Ambiente.
Il microclima etneo è caratterizzato da forti escursioni termiche che determinano una maturazione delle uve lenta e graduale, con un ritardo della vendemmia di oltre un mese rispetto alla media siciliana.
I terreni sono costituiti da sabbie vulcanica, che conferiscono ai vini un gusto minerale, tipico del territorio.
Storia.
Numerose sono le fonti che attestano un’antica tradizione viticola nella zona dell’Etna, fortemente legata alla coltivazione delle varietà autoctone locali: il Nerello mascalese, il Nerello cappuccio, il Carricante e la rara Minnella.
Oltre 300 schede dei principali vitigni autoctoni italiani divisi per regione di origine.
Scegli la regione.
Sicilia
Carricante b.
Catanese Bianco b.
Catanese Nero
Catarratto Bianco Comune b.
Catarratto Bianco Lucido b.
Ciminnita b.
Citana b.
Damaschino b.
Frappato n.
Grecanico
Grillo b.
Inzolia b.
Malvasia di Lipari b.
Minnella Bianca
Nerello Mascalese
Nero D'Avola
Nero Grosso n.
Nocera n.
Perricone n.
Zibibbo b.
 
 
Le immagini dei vitigni sono tratte da "Vitigni d'Italia" edito da Calderini Edagricole, 2001.

webconcept: variantezero.com
home pagechi siamodicono di noipartnerscontattidomande
vino in piazzabanchi d'assaggiopubblicazioni privacypolicy