lunedì 15 ottobre 2018
Per vedere tutte le interviste ai produttori accedi alla sezione "le interviste".
Per cominciare
A che periodo risalgono le prime testimonianze archeologiche della presenza della vite?
A. 50-60 milioni di anni fa
B. 1 milione di anni fa
C. Circa 3000 anni fa
D. Primo secolo d.C.

Oltre 300 schede dei principali vitigni autoctoni italiani divisi per regione di origine.

Approfondimenti di varie tematiche e il glossario con la spiegazione dei termini di maggiore uso nel mondo del vino.

VIP, degustazione itinerante di vini autoctoni italiani, è un progetto di valorizzazione del territorio rivolto ad appassionati e operatori del settore.

Il Banco d’Assaggio è un incontro di approfondimento tematico, nel quale, con il commento di un esperto, vengono degustati vari vini autoctoni in abbinamento al cibo.

Scopri le nostre ultime pubblicazioni e scarica "Vitinera", il semestrale di AutoctonO, nato per informare appassionati, produttori ed enti locali delle nostre iniziative.

Vuoi essere costantemente informato sugli eventi e sulle iniziative di AutoctonO? Direttamente nella tua casella di posta elettronica notizie, approfondimenti e curiosità.
Inserisci la tua e-mail

Vuoi informazioni riguardo i nostri servizi? Desideri chiarimenti o hai delle curiosità? Contattaci tramite l’apposito modulo. Il nostro compito è darti risposte.
Download Adobe Reader Download Adobe Flash Player
Piedirosso n.
Etimologia.
Il Piedirosso deve il suo nome al colore rosso che il rachide (lo “scheletro” del grappolo) assume in prossimità della vendemmia, arrivando ad assomigliare al “per’e palummo”, cioè alla zampa di un colombo, nome con cui è chiamato questo vitigno dai locali.
Origini.
L’origine del Piedirosso è molto antica e non è escluso che esso possa identificarsi con la Colombina ricordata da Plinio il Vecchio nella sua Naturalis Historia.
Diffusione.
La sua diffusione, limitata alla sola Campania, ha subìto un sensibile incremento verso la fine dell’Ottocento, quando si pensò di abbandonare molti vitigni scadenti a favore di varietà di maggior pregio. Oggi la sua produzione nella regione è seconda solo all’Aglianico.
Ambiente.
La Campania comprende le terre vulcaniche del Vesuvio, le rocce calcaree della Penisola Sorrentina, le verdeggianti colline dell’Irpinia e del Sannio, i rilievi del Massico e il lungo litorale dalla Costiera Amalfitana al Cilento: un ambiente variegato per vini di ottimo pregio.
Storia.
La viticoltura campana ha origini lontanissime. Già poeti come Orazio e Virgilio lodavano i vini che qui si producevano, distinguendoli secondo provenienza, sapore e corpo. Le rinomate Docg di queste zone sono il Greco di Tufo, il Fiano di Avellino e il celebre Taurasi, soprannominato il “Barolo del Sud”.
Oltre 300 schede dei principali vitigni autoctoni italiani divisi per regione di origine.
Scegli la regione.
Campania
Aglianico n.
Asprinio
Biancolella b.
Cacamosca b.
Caprettone b.
Casavecchia n.
Catalanesca b.
Cavalla b.
Coda di Pecora b.
Coda di Volpe b.
Falanghina b.
Fenile b.
Fiano b.
Forastera b.
Ginestra b.
Greco di Tufo b.
Guarnaccia n.
Olivella nera n.
Pallagrello b.
Pallagrello n.
Pepella b.
Piedirosso n.
Ripolo b.
Sanginella bianca b.
Sirica n.
Suppezza n.
Uva per colore n.
 
 
Le immagini dei vitigni sono tratte da "Vitigni d'Italia" edito da Calderini Edagricole, 2001.

webconcept: variantezero.com
home pagechi siamodicono di noipartnerscontattidomande
vino in piazzabanchi d'assaggiopubblicazioni privacypolicy