mercoledì 19 settembre 2018
Per vedere tutte le interviste ai produttori accedi alla sezione "le interviste".
Come si serve
Cosa si fa con il tappo dopo averlo estratto dalla bottiglia?
A. Lo si mette da parte e si versa il vino
B. Lo si annusa dopo averlo tolto dal cavatappi
C. Lo si annusa prima di toglierlo dal cavatappi
D. Si pulisce l’orlo della bottiglia da eventuali residui di sughero

Oltre 300 schede dei principali vitigni autoctoni italiani divisi per regione di origine.

Approfondimenti di varie tematiche e il glossario con la spiegazione dei termini di maggiore uso nel mondo del vino.

VIP, degustazione itinerante di vini autoctoni italiani, è un progetto di valorizzazione del territorio rivolto ad appassionati e operatori del settore.

Il Banco d’Assaggio è un incontro di approfondimento tematico, nel quale, con il commento di un esperto, vengono degustati vari vini autoctoni in abbinamento al cibo.

Scopri le nostre ultime pubblicazioni e scarica "Vitinera", il semestrale di AutoctonO, nato per informare appassionati, produttori ed enti locali delle nostre iniziative.

Vuoi essere costantemente informato sugli eventi e sulle iniziative di AutoctonO? Direttamente nella tua casella di posta elettronica notizie, approfondimenti e curiosità.
Inserisci la tua e-mail

Vuoi informazioni riguardo i nostri servizi? Desideri chiarimenti o hai delle curiosità? Contattaci tramite l’apposito modulo. Il nostro compito è darti risposte.
Download Adobe Reader Download Adobe Flash Player
Enantio
Etimologia.
Sconosciuta è l’origine del nome Enantio.
Origini.
Si tratta di una varietà autoctona della Vallagarina, da sempre apprezzata per la sua rusticita’ e resistenza, tanto che non e’ difficile trovarne viti centenarie.
Geneticamente appartiene alla famiglia dei Lambruschi, dai quali si distingue per la foglia frastagliata. Si ipotizza la sua origine dalla domesticazione delle viti salvatiche delle morene tra il solco dell’Adige e le colline del basso lago di Garda.
Diffusione.
Questa varietà trova diffusione esclsivamente nella zona compresa tra Ala e la chiusa di Rivalta, dove è entrato da poco a far parte delle varietà tipiche della denominazione “Terre dei Forti”.
Ambiente.
Un clima mitigato dal vicino Lago di Garda, la Vallagarina e’ protetta dalle montagne e mai dimenticata dal sole.
Il suo territorio si articola in tre scenari distinti: la pianura di fondovalle percorsa dall’Adige; i vasti altipiani di Folgaria e Bertonico; le valli laterali di Terragnolo, di Vallarsa e dei Ronchi.
Storia.
La storia vitivinicola della Vallagarina, piuttosto complessa per la sua posizione di cuscinetto tra la cultura italica e quella teutonica è da sempre legata al vitigno Marzemino che dà, in queste zone, vini di grandissimo interesse qualitativo, come dimostra la sua citazione nel Don Giovanni di Mozart.
Oltre 300 schede dei principali vitigni autoctoni italiani divisi per regione di origine.
Scegli la regione.
Trentino Alto Adige
Casetta n.
Cenerente n.
Enantio
Lagrein n.
Marzemino
Montagna b.
Moscato Giallo b.
Moscato Rosa n.
Negrara n.
Nera dei Baisi n.
Nosiola b.
Pavana n.
Peverella b.
Rossara Trentina n.
Schiava Gentile n.
Schiava Grigia n.
Schiava Grossa n.
Teroldego n.
Turca n.
Verdealbara
Vernazzola b.
 
 
Le immagini dei vitigni sono tratte da "Vitigni d'Italia" edito da Calderini Edagricole, 2001.

webconcept: variantezero.com
home pagechi siamodicono di noipartnerscontattidomande
vino in piazzabanchi d'assaggiopubblicazioni privacypolicy