lunedì 25 maggio 2020
Per vedere tutte le interviste ai produttori accedi alla sezione "le interviste".
Come si fa
Nella scelta delle bottiglie per l’imbottigliamento quale abbinamento non è corretto?
A. Per i vini rossi si scelgono le bottiglie Borgogna o Bordolese
B. Per i vini passiti o speciali si scelgono bottiglie di vetro scuro
C. Per gli spumanti si usa la champagnotta
D. Per i vini banchi si scelgono le bottiglie renane

Oltre 300 schede dei principali vitigni autoctoni italiani divisi per regione di origine.

Approfondimenti di varie tematiche e il glossario con la spiegazione dei termini di maggiore uso nel mondo del vino.

VIP, degustazione itinerante di vini autoctoni italiani, è un progetto di valorizzazione del territorio rivolto ad appassionati e operatori del settore.

Il Banco d’Assaggio è un incontro di approfondimento tematico, nel quale, con il commento di un esperto, vengono degustati vari vini autoctoni in abbinamento al cibo.

Scopri le nostre ultime pubblicazioni e scarica "Vitinera", il semestrale di AutoctonO, nato per informare appassionati, produttori ed enti locali delle nostre iniziative.

Vuoi essere costantemente informato sugli eventi e sulle iniziative di AutoctonO? Direttamente nella tua casella di posta elettronica notizie, approfondimenti e curiosità.
Inserisci la tua e-mail

Vuoi informazioni riguardo i nostri servizi? Desideri chiarimenti o hai delle curiosità? Contattaci tramite l’apposito modulo. Il nostro compito è darti risposte.
Download Adobe Reader Download Adobe Flash Player
Refosco dal peduncolo rosso n.
Etimologia.
Facilmente intuibile dal nome la colorazione rossa del peduncolo, detto più propriamente pedicello, ossia dell’elemento che unisce il frutto al raspo.
Origini.
Antico vitigno friulano, al 1390 risale la prima citazione di questo nome ad opera di Francesco da Manzano. I primi accenni alla sua coltivazione menzionano i comuni di Torreano e Faedis, in provincia di Udine.
Diffusione.
È diffuso nelle zone collinari del Collio e dei Colli Orientali del Friuli, ma lo troviamo anche in quelle pianeggianti delle Grave e dell’Isonzo.
Ambiente.
La campagna friulana, costellata di risorgive, con una secolare opera di bonifiche è stata resa adatta all’agricoltura e alla coltivazione della vite.
Storia.
La vocazione vitivinicola della regione ha origini molto antiche. Già Aquileia, fondata nel 181 a.C., era un importante centro enologico.
Nella storia recente, dopo un periodo di decadenza derivante dagli effetti della fillossera, delle guerre e dell’emigrazione, la ripresa si data a partire dal 1963, anno della legge regionale in favore dell’impianto di nuovi vigneti.
Oltre 300 schede dei principali vitigni autoctoni italiani divisi per regione di origine.
Scegli la regione.
Friuli Venezia Giulia
Cianorie n.
Cividino n.
Corvino n.
Forgiarin n.
Francavidda b.
Franconia n.
Fumat n.
Malvasia istriana b.
Negrat n.
Piculit neri n.
Refosco dal peduncolo rosso n.
Ribolla Gialla b.
Schioppettino n.
Sciaglin b.
Tazzelenghe n.
Terrano n.
Tocai friulano b.
Ucelut b.
Verduzzo friulano b.
 
 
Le immagini dei vitigni sono tratte da "Vitigni d'Italia" edito da Calderini Edagricole, 2001.

webconcept: variantezero.com
home pagechi siamodicono di noipartnerscontattidomande
vino in piazzabanchi d'assaggiopubblicazioni privacypolicy