lunedì 25 maggio 2020
Per vedere tutte le interviste ai produttori accedi alla sezione "le interviste".
Come si fa
Nella scelta delle bottiglie per l’imbottigliamento quale abbinamento non è corretto?
A. Per i vini rossi si scelgono le bottiglie Borgogna o Bordolese
B. Per i vini passiti o speciali si scelgono bottiglie di vetro scuro
C. Per gli spumanti si usa la champagnotta
D. Per i vini banchi si scelgono le bottiglie renane

Oltre 300 schede dei principali vitigni autoctoni italiani divisi per regione di origine.

Approfondimenti di varie tematiche e il glossario con la spiegazione dei termini di maggiore uso nel mondo del vino.

VIP, degustazione itinerante di vini autoctoni italiani, è un progetto di valorizzazione del territorio rivolto ad appassionati e operatori del settore.

Il Banco d’Assaggio è un incontro di approfondimento tematico, nel quale, con il commento di un esperto, vengono degustati vari vini autoctoni in abbinamento al cibo.

Scopri le nostre ultime pubblicazioni e scarica "Vitinera", il semestrale di AutoctonO, nato per informare appassionati, produttori ed enti locali delle nostre iniziative.

Vuoi essere costantemente informato sugli eventi e sulle iniziative di AutoctonO? Direttamente nella tua casella di posta elettronica notizie, approfondimenti e curiosità.
Inserisci la tua e-mail

Vuoi informazioni riguardo i nostri servizi? Desideri chiarimenti o hai delle curiosità? Contattaci tramite l’apposito modulo. Il nostro compito è darti risposte.
Download Adobe Reader Download Adobe Flash Player
Primitivo
Etimologia.
Sembra che questa tipologia di vino abbia assunto la denominazione "Primitivo" perche' frutto di uva particolarmente precoce nella maturazione.
Origini.
Si pensa che il Primitivo sia originato clonalmente da uno dei tre raggruppamenti piu' diffusi nelle zone costiere ionico-salentine, colonizzate prima dai Fenici e poi dai Greci.
Successivamente, ed in particolare nel Medioevo con il diffondersi degli insediamenti rupestri, il vitigno si diffuse in tutta la zona delle Murge nelle provincie di Bari e Taranto.
Diffusione.
Il Primitivo è attualmente diffuso numerosi comuni delle province di Taranto ed alcuni in provincia di Brindisi.
Ambiente.
Situata sulle Murge Tarantine, è una tra le più grandi ed attive cittadine della provincia, e deve la sua floridezza al territorio fertile ed esteso.
Storia.
Risalendo a documentazioni storiche maggiormente attendibili, si sa con certezza che questo vitigno fu oggetto di coltivazione intensiva su una vasta area di territori pugliesi nel XVII secolo ad opera dei monaci Benedettini, ma fu soprattutto a Gioia del Colle che i monaci trovarono le condizioni piu' favorevoli per la coltivazione di questo generoso vitigno, il quale assunse una diffusione tale da venir introdotto, poi, in provincia di Taranto sul finire del XIX secolo.
Oltre 300 schede dei principali vitigni autoctoni italiani divisi per regione di origine.
Scegli la regione.
Puglia
Bianco d'Alessano b.
Bombino Bianco b.
Bombino Nero n.
Francavidda b.
Impigno b.
Malvasia nera di Brindisi n.
Negroamaro n.
Notardomenico n.
Primitivo
Prunesta Pugliese n.
Susumaniello n.
Uva di Troia n.
Verdeca
 
 
Le immagini dei vitigni sono tratte da "Vitigni d'Italia" edito da Calderini Edagricole, 2001.

webconcept: variantezero.com
home pagechi siamodicono di noipartnerscontattidomande
vino in piazzabanchi d'assaggiopubblicazioni privacypolicy