sabato 08 agosto 2020
Per vedere tutte le interviste ai produttori accedi alla sezione "le interviste".
Come si conserva
E l’umidità dell’ambiente in cui si conserva il vino influisce?
A. Assolutamente no
B. Dovrebbe essere intorno al 35-40%
C. Dovrebbe essere intorno al 65-70%
D. Il vino si conserva meglio in un ambiente secco

Oltre 300 schede dei principali vitigni autoctoni italiani divisi per regione di origine.

Approfondimenti di varie tematiche e il glossario con la spiegazione dei termini di maggiore uso nel mondo del vino.

VIP, degustazione itinerante di vini autoctoni italiani, è un progetto di valorizzazione del territorio rivolto ad appassionati e operatori del settore.

Il Banco d’Assaggio è un incontro di approfondimento tematico, nel quale, con il commento di un esperto, vengono degustati vari vini autoctoni in abbinamento al cibo.

Scopri le nostre ultime pubblicazioni e scarica "Vitinera", il semestrale di AutoctonO, nato per informare appassionati, produttori ed enti locali delle nostre iniziative.

Vuoi essere costantemente informato sugli eventi e sulle iniziative di AutoctonO? Direttamente nella tua casella di posta elettronica notizie, approfondimenti e curiosità.
Inserisci la tua e-mail

Vuoi informazioni riguardo i nostri servizi? Desideri chiarimenti o hai delle curiosità? Contattaci tramite l’apposito modulo. Il nostro compito è darti risposte.
Download Adobe Reader Download Adobe Flash Player
Sagrantino
Etimologia.
L’uva Sagrantino deve probabilmente il suo nome al fatto che, in epoca antica, esso veniva utilizzato per ricavarne il vino impiegato durante la messa per celebrare i Sacramenti.
Origini.
Pur non essendo le origini del Sagrantino conosciute con certezza, si ipotizza che esso sia stato importato nel Medioevo dalla Grecia ad opera dei monaci bizantini.
Compare descritto per la prima volta nel 1879 dalla commissione ampelografica di Foligno.
Diffusione.
Il Sagrantino è una varietà diffusa esclusivamente in Umbria, nel comprensorio di Montefalco, dove dà luogo all’omonima DOCG.
Ambiente.
L’area di produzione della D.O.C.G. Sagrantino di Montefalco comprende i Comuni di Montefalco, Bevagna, Gualdo Cattaneo ed altri piccoli Comuni in provincia di Perugia.
Il microclima è particolarmente fresco e i terreni argilloso-calcarei risultano molto adatti alla coltivazione della vite.
Storia.
Il Sagrantino di Montefalco ha una storia assai remota: nell’Archivio Storico Comunale di Montefalco sono infatti custoditi numerosi documenti che testimoniano la cura con cui, in epoche in cui il concetto francese di cru non esisteva ancora, i vignaioli di Montefalco già si dedicavano ai “campi piantati a vigna”.
Oltre 300 schede dei principali vitigni autoctoni italiani divisi per regione di origine.
Scegli la regione.
Umbria
Dolciame b.
Gamay Perugino n.
Grechetto
Sagrantino
 
 
Le immagini dei vitigni sono tratte da "Vitigni d'Italia" edito da Calderini Edagricole, 2001.

webconcept: variantezero.com
home pagechi siamodicono di noipartnerscontattidomande
vino in piazzabanchi d'assaggiopubblicazioni privacypolicy