lunedì 25 maggio 2020
Per vedere tutte le interviste ai produttori accedi alla sezione "le interviste".
Come si fa
Nella scelta delle bottiglie per l’imbottigliamento quale abbinamento non è corretto?
A. Per i vini rossi si scelgono le bottiglie Borgogna o Bordolese
B. Per i vini passiti o speciali si scelgono bottiglie di vetro scuro
C. Per gli spumanti si usa la champagnotta
D. Per i vini banchi si scelgono le bottiglie renane

Oltre 300 schede dei principali vitigni autoctoni italiani divisi per regione di origine.

Approfondimenti di varie tematiche e il glossario con la spiegazione dei termini di maggiore uso nel mondo del vino.

VIP, degustazione itinerante di vini autoctoni italiani, è un progetto di valorizzazione del territorio rivolto ad appassionati e operatori del settore.

Il Banco d’Assaggio è un incontro di approfondimento tematico, nel quale, con il commento di un esperto, vengono degustati vari vini autoctoni in abbinamento al cibo.

Scopri le nostre ultime pubblicazioni e scarica "Vitinera", il semestrale di AutoctonO, nato per informare appassionati, produttori ed enti locali delle nostre iniziative.

Vuoi essere costantemente informato sugli eventi e sulle iniziative di AutoctonO? Direttamente nella tua casella di posta elettronica notizie, approfondimenti e curiosità.
Inserisci la tua e-mail

Vuoi informazioni riguardo i nostri servizi? Desideri chiarimenti o hai delle curiosità? Contattaci tramite l’apposito modulo. Il nostro compito è darti risposte.
Download Adobe Reader Download Adobe Flash Player
Gaglioppo
Etimologia.
Il Gaglioppo deve il suo nome alla compattezza del suo grappolo, ma è conosciuto anche con i nomi di Maghioccu nero, Mantonico nero, Aglianico di Cassano, Arvino, Galloffa, Lacrima di Cosenza, Uva Navarra.
Origini.
Vitigno a bacca nera di probabile origine greca, il Gaglioppo si trova anche sotto altri sinonimi nelle Marche, in Umbria, Abruzzo, Campania e nella provincia di Messina.
Ha molte analogie genetiche con il Frappato siciliano.
Diffusione.
Il Gaglioppo è prevalentemente diffuso nelle province calabresi di Cosenza e Catanzaro, ma si può rinvenire in quasi tutto il territorio calabrese.
Dà origine alle DOC Cirò Rosso e Melissa.
Ambiente.
La Valle di Neto, da cui proviene questo vino, si trova nel cuore del Marchesato, zona caratterizzata dal susseguirsi delle dolci colline poste ai piedi della Sila, digradanti fino alle coste centrali del Mar Ionio.
Storia.
Con l'avvento dei greci, la viticoltura locale, già prospera, si arricchì di nuove superfici vitate che iniziarono a colorare le colline intorno a Cremissa, antica Cirò, e contribuirono ad affermare la vocazione vinicola di quel territorio. Da quel momento la cultura del vino diventò parte integrante della storia di quest'angolo di Calabria, al punto che i vigneti di Cremissa divennero tra i più noti dell'intera Magna Grecia.
Oltre 300 schede dei principali vitigni autoctoni italiani divisi per regione di origine.
Scegli la regione.
Calabria
Arvino n.
Castiglione n.
Gaglioppo
Greco di Bianco b.
Guardavalle b.
Guarnaccia b.
Magliocco Canino
Magliocco n.
Mantonico Bianco
Marsigliana n.
Montonico Pinto b.
Pecorello Bianco b.
Prunesta C. n.
 
 
Le immagini dei vitigni sono tratte da "Vitigni d'Italia" edito da Calderini Edagricole, 2001.

webconcept: variantezero.com
home pagechi siamodicono di noipartnerscontattidomande
vino in piazzabanchi d'assaggiopubblicazioni privacypolicy